Menu

Le coordinate dell'information design

VISUALIZED.iO: un evento incredibile

febbraio 18, 2015 - Data Visualization, Infografiche
VISUALIZED.iO: un evento incredibile

Lo scorso novembre ho avuto il piacere di partecipare alla conferenza VISUALIZED.iO a Londra. VISUALIZED.iO è un evento indipendente che porta in Europa l’esperienza di VISUALIZED, conferenza che si tiene annualmente a New York.

thankyou

Di seguito ecco una selezione personale degli speaker più interessanti.

VALENTINA D’EFILIPPO
Valentina D’Efilippo nel suo sito si definisce: “a designer with an appetite for creativity and innovation across all formats and media.”
Sfogliando il suo libro ‘The Infographic History of the World’, potete decisamente percepire la sua ‘fame’. Nel suo libro, scritto in collaborazione con James Ball, data journalist del Guardian, dati, immagini e parole creano un sistema che semplica le informazioni e che cattura il lettore in una narrazione non convenzionale. Tra i progetti di Valentina spicca ‘Poppy Field’, che approfondisce il tema delle perdite umane durante le guerre.

poppy_infographic1

DAVID MACCANDLESS
Tra la lista degli speaker c’era un ospite a sorpresa: ascoltare David McCandless parlare di dati e conoscenza è stata un’incredibile esperienza. David ha presentato uno slideshow di visualizzazioni ed infografiche realizzate da lui e dal team di Information is Beautiful.

ANDY KIRK
La presentazione di Andy Kirk è stata una collezione di visualizzazioni sotto il titolo di ‘The Design of Time’. Grazie alle sue incredibili capacità di speaker, Andy, in soli 15 minuti, ha mostrato tanti interessantissimi esempi.
Non avreste dovuto perdere questa opportunità, ma fortunatamente l’autore di visualisingdata.com ha postato nel suo blog l’intera presentazione.

ANDREAS KOLLER
Andreas Koller è un interaction designer e visual artist che risiede a Londra. La formazione di Andreas sia tecnica sia creativa gli permette di lavorare e sperimentare incrociando diverse discipline.
Andreas ha presentato il suo progetto chiamato 149.026 km2: una visualizzazione del disastro ambientale della piattaforma petrolifera Deepwater Horizon nel Golfo del Messico nell’Aprile del 2010. Il progetto, destinato ad un pubblico austriaco, spiega il disastro e fa chiarezza sulla portata dello stesso. La sovrapposizione della mappa europea con quella del Golfo del Messico mostra come l’area interessata dallo sversamento di petrolio sia simile alle dimensioni dell’Austria. Ogni cittadino Austriaco ha ben note le distanze tra due città qualsiasi della propria nazione, quindi comparando per esempio la distanza tra Vienna e Salisburgo, l’entità del disastro appare subito chiara.

koller

PASCAL RAABE
Pascal Raabe è un experience designer con una forte passione per le tecnologie emergenti, ma è soprattutto un collezionista. Pascal colleziona ogni tipologia di dati: fotografa ogni pasto prima di mangiarlo, registra ogni attività sportiva fatta, ogni distanza percorsa, ogni viaggio intrapreso, ogni persona incontrata, appunta ogni libro letto, ogni traccia ascoltata… Pascal è un lifelogger, o ancor meglio, un lifehacker consapevole che “Everything not saved will be lost”, così come dice la schermata del Nintendo poco prima di concludere una partita.

STEFANIE POSAVEC
Stefanie Posavec è una designer con un particolare interesse verso l’Information Design. Stefanie si occupa della rappresentazione visiva di linguaggio e letteratura ed ha esposto molti dei suoi lavori nei musei più importanti del mondo. La sua presentazione parla di un progetto realizzato durante un residency come data-artist nella sede del ‘Facebook Analog Research Lab’. Stefanie realizza un progetto interattivo sul pavimento in cui converte un mese di interazioni Facebook di una coppia in passi di danza. Il visitatore seguendo questi passi sul pavimento ripercorre le interazioni tra i diari Facebook della coppia.

posavec

KIM ALBRECHT E PIERRE LA BAUME
Kim e Pierre si sono entrambi laureati all’Università di Scienze Applicate di Potsdam. Attualmente Kim è un ricercatore presso il Center for Complex Network Research con sede a Boston; Pierre è un interaction designer che collabora con lo studio MING Labs a Berlino.
Kim ha presentato il suo progetto di tesi Culturegraphy, che investiga lo scambio di informazioni culturali nel tempo. La visualizzazione di queste complesse reti culturali fornisce nuove idee nel ricco panorama di interconnessioni culturali.

albrecht

Pierre ha parlato invece di ‘The Afghan Conflict’, cioè una mappa di possibili scenari nel conflitto Afganistano.

AfghanistanConflict_7

DOMESTIC DATA STREAMERS
Quattro talentuosi ragazzi di Barcellona decidono di combinare insieme le loro capacità di sviluppatori e designer e di fondare Domestic Data Streamers, un collettivo che trasforma dati in sistemi ed esperienze interattive. Vi consiglio di dare un’occhiata al loro sito domesticstreamers.com

domestic

VISUALIZED.iO è stato un evento incredibile: 1 giorno, 16 interessanti presentazioni, 170 partecipanti. Ho passato una giornata tra persone stupende ed incredibilmente talentuose. La giornata si è conclusa con un piccolo aperitivo che ha contribuito a rendere l’atmosfera informale e ha favorito il networking.

Greta Castellana è una graphic designer italiana che sta attualmente frequentando un master biennale di Information Design alla Design Academy di Eindhoven. Il suo sito personale è greatgreta.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *