Menu

Le coordinate dell'information design

Il progetto Tritticon (edizione italiana)

Febbraio 26, 2015 - Infografiche, Information Design
Il progetto Tritticon (edizione italiana)

Finalmente, dopo mesi di studio e prove tecniche, partiamo questa settimana con Tritticon.

Tritticon è un progetto sperimentale che fonde la forma artistica del trittico, la capacità di sintesi propria dei social network e la potenza comunicativa delle icone.

I trittici (dal greco τρι−πτυκον, cioè ”tre”-”pieghe”) erano opere pittoriche o scultoree di origine medievale composte da tre parti, spesso congiunte da cerniere o da una base.

Il termine è poi passato dall’arte pittorica ad altre arti e nel linguaggio comune dove talvolta assume il significato di “trilogia”.

esempitrittico

L’icona è un elemento grafico, un’immagine (di solito un disegno stilizzato) il cui scopo è trasmettere informazioni in forma estremamente sintetica.

Il linguaggio forzatamente stringato dei social e l’uso di hashtag semantici consentono di guidare il lettore alla comprensione del tritticon e al contempo di diffondere con più efficacia il messaggio.

Ciascun Tritticon trasforma il rigido vincolo dello schema tripartito nel vantaggio di una comunicazione sintetica, lasciando alla forza immaginifica delle icone il compito di trasmettere al fruitore l’universo dei significati rappresentati.

Il progetto si pone l’obiettivo di sperimentare un nuovo modo di comunicare che sfrutti maggiormente il potere delle immagini in una modalità specificatamente pensata per i nuovi canali di comunicazione.

Il riferimento alla forma artistica tipicamente medievale del Trittico è stato voluto, in quanto pensiamo che i nostri tempi possano tranquillamente essere definiti con il termine di “Rinascimento Visuale”.

Come il Rinascimento fu, in risposta al Medioevo, una riscoperta delle arti e delle capacità dell’uomo di raffigurare il mondo, oggi, di fronte al proliferare di dati ed informazioni, viviamo una “rinascita” legata alle capacità dell’uomo di interpretare fenomeni e tendenze e di rappresentarli in forma visuale.

E allora qual’è il nostro medioevo? Forse è il pensare che software e infrastrutture tecnologiche sempre più avanzate possano sostituirsi all’uomo nell’individuare storie, fenomeni e tendenze all’interno dei dati.

Da un punto di vista pratico l’esperimento consiste nel realizzare un Tritticon al giorno, raccontando quello che più ci colpisce tra quanto succede in Italia (e qualche volta nel mondo). Siamo partiti questa settimana ma piano piano andremo anche a ritroso con l’obiettivo di “coprire” interamente il 2015.

Tecnicamente le immagini realizzate per questo progetto sono delle mini (o micro) infografiche, hanno un layout quadrato e una dimensione ottimizzata per la condivisione sui social network. Qui sotto vediamo illustrata la struttura delle immagini:

SCHEMATRITTICON

Come illustrato, il TRITTICON è strutturato in tre fasce:
– la superiore (definita “cimasa”) che contiene la data e un’id univoco dell’immagine; la cimasa può essere colorata o “effettata” per contestualizzare ancora meglio la comunicazione;
– la fascia centrale è il trittico vero e proprio con un’immagine (solitamente un po’ effettata) che serve a focalizzare subito il tema o il/la protagonista dell’evento; le tre ante contengono le icone (o meglio i pittogrammi) che raccontano visivamente l’evento / il personaggio; anche le icone possono essere colorate o “effettate” per una maggiore personalizzazione del Tritticon; ogni pittogramma corrisponde ad un hashtag del tweet.
– infine la fascia inferiore, definita “predella”, contiene il tweet e il logo del progetto.

Tritticon è un progetto sperimentale e dunque ogni commento o suggerimento è più che gradito. Potete scrivermi a questo indirizzo. Mi farebbe davvero piacere se anche altri appassionati (anche sul versante social media) volessero provare anche loro a comunicare un evento, un personaggio, una storia all’interno dello schema del Tritticon.

Prossimamente, il progetto verrà replicato anche in lingua inglese, con un respiro ovviamente più internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *